Gli Azzuri battono Israele: Giampiero Ventura non vuole paragoni con Antonio Conte

di Redazione
In Sport
6 settembre 2016
Commenti:

L’Italia del calcio inizia bene la sua avventura nelle qualificazioni mondiali battendo Israele. Il CT Ventura prima della gara aveva chiesto "basta con i paragoni con Conte".

 

A Haifa, l’Italia ha esordito con un successo 1-3 contro Israele, nelle qualificazioni per il mondiale 2018. Una vittoria che ripaga la delusione per la sconfitta, in amichevole con la Francia, con lo stesso punteggio, nella prima di Ventura da CT, giovedì scorso a Bari. E lo stesso Giampiero Ventura, in una conferenza stampa prima della partita di Haifa, ha detto di sentirsi “accerchiato”, e di evitare i paragoni tra la sua Italia e quella del suo predecessore Conte, dato che ogni allenatore ha i suoi moduli e vede il calcio in maniera diversa.

Dopo questa vittoria, Ventura è apparso più rilassato, ed ai giornalisti ha dichiarato “Abbiamo vinto da squadra, dobbiamo avere sempre la stessa convinzione”. L’unica nota stonata nella serata degli azzurri è rappresentata dall’espulsione di Chiellini che ha rimediato due ammonizioni lasciando i suoi compagni in inferiorità numerica proprio ad inizio del secondo tempo. Un Chiellini che non è apparso in buona forma e che è responsabile anche dell’errore che ha propiziato l’unica rete messa a segno da Israele.

 

La prova dell’Italia è apparsa buona, con Pellè che non finisce di segnare e replica subito dopo la rete messa a segno a Bari contro i transalpini, raggiungendo quota 9 in azzurro. Le altre due reti sono state opera di Candreva, che ha trasformato un calcio di rigore e di Immobile, subentrato nel corso della ripresa. Grazie a questa vittoria, l’Italia incrementa la sua statistica di imbattibilità nelle gare ufficiali dei gironi di qualificazione ai mondiali ed agli europei che è arrivata a 51 gare.

Nella partita di Haifa c’è stato il ritorno tra i titolari di Bonucci, a formare di nuovo il terzetto difensivo “juventino” davanti a Buffon. Assenti sia Belotti che De Rossi, fermi per infortunio, Ventura mette in cabina di regia Verratti, mentre sulla fascia sinistra preferisce Antonelli rispetto a De Sciglio. L’Italia la sblocca dopo soli 14 minuti grazie a Pellè che mette in rete un pallone crossato dalla sinistra da Antonelli. Grazie al controllo del centrocampo la nazionale azzurra riesce a rendersi pericolosa sulle due fasce, specialmente a sinistra, ed è proprio su quel lato del campo che Bonaventura arriva in area per essere steso, con conseguente calcio di rigore con Candreva al raddoppio. Prima della fine del primo tempo l’errore di Chiellini favorisce la rete israeliana messa a segno da Bel Haim con un pallonetto, poi ad inizio ripresa la seconda ammonizione del difensore della Juventus che lascia l’Italia in 10. Israele ci prova, poi nel finale la chiude Immobile.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+