BeFan.it

Papa Bergoglio è il “Papa Nero” di Nostradamus?

L'elezione del nuovo Pontefice è proceduta, di pari passo, con le profezie più disparate ad accompagnare la storia del papato romano. Secondo Nostradamus l'ultimo Pontefice sarebbe stato il "Papa nero", profezia errata dunque? Non proprio, anzi....

14 marzo, 2013 by Giuseppe Genova in Italia con 0 Commenti

Nei giorni precedenti il Conclave si è a lungo parlato delle profezie di Malachia e di Nostradamus, secondo le quali dopo Benedetto XVI ad ascendere sul soglio di Pietro sarebbe stato un Pontefice di colore.

Un “Papa nero”, dunque, designato quale ultimo Vescovo di Roma della storia che avrebbe dovuto concludere la propria esperienza alla guida della Chiesa cattolica nel 2026. Per questo, nell’elenco dei papabili, in molti avevano inserito il nome del Cardinale Peter Kodwo Appiah, originario del Ghana.
La nomina di Jorge Mario Bergoglio ha smentito questa profezia sulla quale il mondo si interroga da secoli? A quanto pare, secondo gli studiosi e gli osservatori più attenti, la risposta è no. Perché se è vero che Papa Francesco I è indiscutibilmente di pelle chiara, l’Arcivescovo di Buenos Aires è il primo Gesuita della storia a diventare Sommo Pontefice. E il generale dei Gesuiti viene notoriamente soprannominato “Papa Nero” dal colore della tonaca che indossa.  Per comprenderlo è sufficiente verificare come sia strutturata l’organizzazione della Compagnia di Gesù, l’ordine dei Gesuiti, leggendo, ad esempio, cosa riporta lo stesso wikipedia che citiamo testualmente (consultabile da chiunque):

La massima autorità della Compagnia di Gesù è il preposito generale (detto popolarmente “papa nero”), eletto a vita dalla congregazione generale. La sua autorità è subordinata a quella della congregazione generale, della quale è tenuto ad applicare i decreti (fonte Wikipedia)

Siamo dunque giunti all’ultimo Pontefice della storia? Per i seguaci di Malachia e Nostradamus non ci sarebbero dubbi. Quella dell’avvento di Francesco I sarebbe l’ultima di una serie di previsioni azzeccate e che riguardano anche gli ultimi Pontefici che si sono succeduti nel secondo dopoguerra. I casi più eclatanti riguardano Paolo VI, ma anche Giovanni Paolo II e lo stesso Benedetto XVI. Nel caso di Papa Montini, le profezie parlano di un Pontefice “Giglio tra i gigli” e lo stemma adottato da Paolo VI riproduceva proprio un giglio. Karol Wojtyla era, invece, identificato dalla profezia come un Papa che giungeva dall’Oriente, dal levare del sole, ed infatti proveniva dalla Polonia, ad est di Roma. Infine Ratzinger, il Papa descritto come “De gloria olivae”. Il simbolo dell’ulivo può essere ricondotto direttamente al nome assunto: Benedetto, ricordando che gli appartenenti all’ordine monastico dei benedettini sono chiamati anche “Monaci olivetani”.


Secondo la profezia dunque, Francesco I rimarrà in San Pietro fino alla veneranda età di 89 anni finché, nel 2026 si spegnerà e con esso, si dissolverà anche la Chiesa cattolica romana.

image 51834891 800x600 Papa Bergoglio è il Papa Nero di Nostradamus?

(Papa Ratzinger con l’attuale preposto dei Gesuiti ( “il Papa Nero”) lo Spagnolo Adolfo Nicolás Pachón

 

 

 

Tag: , ,

Autore: Giuseppe Genova

Articoli simili che ti potrebbero interessare

 

Commenta l'articolo, cosa ne pensi?

 

Suggerisci la notizia ad un tuo amico
   
Ads:
Ads:
Twitter