Terra dei fuochi, otto bambini morti negli ultimi 20 giorni: il Comitato delle vittime denuncia la drammatica situazione

di Redazione
In Attualità
8 febbraio 2017
Commenti:

Il Comitato delle vittime della Terra dei fuochi ha riportato in primo piano la drammatica situazione di quelle zone, denunciando la morte di otto bambini negli ultimi 20 giorni.

 

LE VITTIME DELLA TERRA DEI FUOCHI – Il drammatico bilancio parla di otto bambini, tutti di età compresa tra i 7 mesi e gli 11 anni, deceduti negli ultimi 20 giorni a causa di varie forme tumorali e la denuncia del Comitato delle vittime ha riportato sulle prime pagine dei quotidiani la situazione che da anni interessa la cosiddetta Terra dei fuochi: in quella estesa area della Campania, compresa tra Napoli e Caserta, si continua a morire a causa dell’impatto devastante che l’ingente quantità di rifiuti tossici e gli oramai proverbiali roghi hanno sulle popolazioni locali, specialmente i più piccoli. Una sorta di “strage silenziosa”, come l’ha definita qualcuno, che miete ancora vittime nonostante il fenomeno abbia avuto una vasta eco sui media e sia stato oggetto anche di interrogazioni parlamentari. Eppure, la nuova protesta del Comitato delle vittime questa volta ha il sapore di un vero e proprio atto d’accusa contro le istituzioni locali e nazionali che, a loro dire, non hanno mai affrontato con decisione il problema attraverso una bonifica globale.

UNA PREOCCUPANTE EMERGENZA BAMBINI – Anche per questo motivo, la protesta organizzata alcuni giorni fa da diverse associazioni davanti alla Prefettura di Napoli ha avuto soprattutto un alto valore simbolico: all’interno del palazzo, infatti, si stava contemporaneamente svolgendo un incontro che aveva per oggetto la situazione di Bagnoli (quartiere che fa parte della X Municipalità del capoluogo campano) e alla presenza proprio di Claudio De Vincenti, Ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno. Al sit-in in Piazza del Plebiscito hanno partecipato anche le madri delle giovani vittime e di tutti quei bambini che, negli ultimi anni, si sono ammalati e combattono delle gravi forme di neoplasie. Inoltre, secondo l’Istituto Superiore della Sanità la situazione epidemiologica nei circa 50 Comuni che rientrano nella Terra dei fuochi è diventata insostenibile, tanto che c’è un incremento preoccupante di patologie tumorali nelle fasce d’età tra 0 e 14 anni.

 

img_2597945688764933.jpg

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+