Cinema, piovono le critiche su “Bridget Jones’s Baby”

di Redazione
In Cinema
23 settembre 2016
Commenti:

Il personaggio di Bridget Jones è stato indubbiamente uno dei più amati nell'ultimo decennio non soltanto dalle donne, ma anche dal pubblico maschile.

 

Atteso da tanto tempo, ecco il terzo capitolo della storia che ha per protagonista Bridget, sapientemente interpretata fin dal primo film da Renée Zellweger. Il terzo film si intitola ‘Bridget Jones’s Baby’ ed è una storia che fa ancora emergere la figura arruffona e combinaguai della simpatica protagonista. Se il primo film è stato un successo incredibile, per il secondo si è potuto parlare di un autentico flop. Ma le critiche non risparmiano in alcun modo anche il terzo capitolo della storia: il film, uscito da poco nelle sale dei cinema italiani, sta facendo notevolmente discutere il pubblico e gli esperti.

La trama del terzo film di Bridget Jones si incentra sull’incontro della protagonista con un uomo affascinante con cui decide di avere un rapporto. Le peripezie di Bridget Jones e tutti i guai che va a cercarsi creano un clima da commedia molto piacevole, arrivando fino alla scoperta della gravidanza. Ma la preoccupazione per la protagonista sta nel fatto che non sa se il bambino che ha in grembo è del compagno oppure di colui con cui ha vissuto un rapporto sporadico.
La critica sta valutando non propriamente in modo positivo questo film, probabilmente arrivato dopo troppi anni dal secondo. In particolare, molti parlano di vero e proprio assegno pensionistico per Renée Zellweger che in questo film appare leggermente più compassata e soggetta al passare del tempo.

 

Non convince la critica anche il fatto che la stessa attrice appaia evidentemente ritoccata, idea nettamente in contrasto con quella che aveva portato alla nascita del personaggio. Bridget Jones voleva essere la rottura dello stereotipo della donna perfetta, dando importanza anche agli aspetti più semplici, come i fianchi larghi o le abitudini casalinghe. Un aspetto che non passa inosservato e che, per la critica cinematografica, rende questo film meno flop del secondo, ma sicuramente molto meno appassionante ed irriverente rispetto al primo. Potrebbe trattarsi seriamente del viale del tramonto intrapreso per il personaggio di Bridget Jones che resta comunque una grande icona del cinema internazionale.

img_2358703451874697.jpg

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+