Pluggage: la valigia 2.0 utilizza il riconoscimento digitale, segnala peso, imbarco e tentativi di manomissione

di Redazione
In Curiosità
17 dicembre 2014
Commenti:

Il futuro arriva anche sugli aerei, o meglio, nelle loro stive. Presentato il prototipo della Delsey relativamente alla valigia di domani, il tutto improntato a sicurezza e funzionalità.

 

Un’azienda transalpina ha sviluppato un’invenzione che potrebbe davvero rivoluzionare la vita di chi viaggia in aereo e spesso si ritrova alle prese con le consuete problematiche legate ai bagagli imbarcati.

I tecnici dell’azienda hanno infatti dato vita a “Pluggage“, che sfruttando la connessione ad Internet è in grado di interagire tramite apposita app con il nostro smartphone e quindi darci modo di essere informati in tempo reale relativamente a quando il bagaglio viene registrato e caricato sul nostro volo e se durante lo stesso vi sono problemi, come ad esempio un tentativo di manomissione. Ma le sue funzionalità non si esauriscono in questa possibilità di fornire informazioni utili al proprietario del bagaglio. L’azienda francese , partendo dal presupposto che quello di oggi è un mondo ormai interconnesso, ha installato su “Pluggage” anche una presa Usb con la quale sarà possibile mettere a ricaricare il nostro smartphone. Inoltre il viaggiatore che si dovesse servire di quello che senza dubbio è definibile come una sorta di “bagaglio 2.0” potrà sapere in ogni momento se quello che trasporta rispetta i limiti di peso che le compagnie aeree impongono per quel che concerne i bagagli e potrà inoltre utilizzare un sistema di apertura totalmente personalizzato, visto che la valigia potrà aprirsi attraverso il riconoscimento delle proprie impronte digitali.

 

Al momento questa invenzione è ancora un semplice prototipo e ci vorrà del tempo per poter vedere la versione definitiva: quello che però risulta innegabile è che i viaggiatori sperano probabilmente di poter presto avere la possibilità di testarla, perchè senza dubbio “Pluggage” appare in grado di migliorare la vita di chi prende l’aereo.

 

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+