UFO vola per ore su una casa di famiglia in Scozia

di Redazione
In Misteri
24 ottobre 2012
Commenti:

Una scena degna del miglior film di fantascienza: è notte fonda a Fraserburg, North East Scotland, quando una serie di luci lampeggianti spezza improvvisamente il buio della campagna.

 

 

La prima ad accorgersi del surreale fatto è stata Morag Ritchie che ha avvertito subito gli altri parenti: niente urla o fuga terrorizzate, la corsa è al cellulare per immortalare le immagini della strana presenza nel cielo.

 

Un enorme disco volante stava infatti sorvolando proprio la casa nella quale vivono la signora col marito e la figlia ventisettenne con il compagno e un bimbo piccolo.
Tutti hanno assistito al singolare evento e dopo un primo momento di dubbio sull’origine dell’oggetto sono arrivati alla conclusione che si trattasse di un UFO.

Al momento il video ripreso è al vaglio di uno dei massimi esperti del settore, Malcolm Robinson che si dichiara molto interessato per l’apparente mancanza di una spiegazione logica al fatto: sono visibili nelle immagini una serie di flash intermittenti provenienti da un misterioso veicolo fermo e silenzioso nel cielo.
Siccome erano circa le due di notte pare alquanto improbabile che si potesse trattare di un aeromobile civile, come ci tiene ad affermare la stessa Autorità di aviazione civile che però avanza l’ipotesi di un possibile fenomeno di aurora boreale.

Dal canto suo la famiglia “vittima degli ufo” pare non aver sofferto troppo l’inquietante presenza: visto che nessun alieno sembrava interessato a un incontro ravvicinato del terzo tipo tutti i componenti dopo un iniziale momento di panico, si sono presto rassegnati alle luci intermittenti e rimessi a dormire.

Per la signora Morag, poco incline prima del fatto a credere negli extraterrestri, parla di una vera e propria rivelazione su possibili contatti con il mondo al di fuori della Terra.

Ogni anno ci sono migliaia di presunti avvistamenti di UFO e la scienza dà una spiegazione a buona parte di essi, ma resta sempre una piccola percentuale di “casi irrisolti”.

 

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+