Monza, morto un bimbo affetto da leucemia: era stato contagiato dal morbillo

di Redazione
In Cronaca
23 giugno 2017
Commenti:

Un nuovo caso di cronaca che vede protagonista un bambino sta scuotendo la sanità italiana: un paziente di sei anni è deceduto di leucemia presso l'Ospedale San Gerardo di Monza a causa di complicanze dovute al morbillo.

 

LA MANCATA IMMUNITÀ DI GREGGE – La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno e sta monopolizzando le prime pagine dei principali quotidiani italiani, tanto da indurre anche la stessa Ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, a intervenire sul caso e a tornare a ribadire l’importanza delle vaccinazioni.

Infatti, nelle ultime ore si è appreso che un bimbo di sei anni, ricoverato presso l’Ospedale San Gerardo di Monza e ammalato da tempo di leucemia, è morto ieri per via delle complicanze polmonari e cerebrali causate da un contagio di morbillo. Stando a quanto si apprende dal comunicato diramato dalla struttura ospedaliera brianzola e dalle dichiarazioni di Giulio Gallera, assessore al Welfare per la sanità lombarda, solamente la cosiddetta immunità di gregge avrebbe salvato il piccolo. In un primo momento era circolata la notizia che il bambino fosse stato contagiato dai suoi fratelli maggiori, non vaccinati contro il morbillo. Nel pomeriggio invece il primario di pediatria ha dichiarato che il piccolo non è stato infettato dai fratelli ma nell’ospedale c’è una epidemia di morbillo.

 

L’INTERVENTO DELLA MINISTRA LORENZIN – In attesa che emergano maggiori dettagli su questa tragica vicenda, pare che sia stata proprio una precisa scelta dei genitori quella di non far vaccinare gli altri figli: secondo fonti interne all’Ospedale San Gerardo, la famiglia era infatti a conoscenza del fatto che il più piccolo presentava (proprio a causa della leucemia) delle forti criticità nel sistema immunitario e che quindi, non potendo essere vaccinato, risultava essere anche più vulnerabile di fronte alla presenza di eventuali infezioni.

L’assessore, a tal proposito, ha voluto ricordare proprio come sia stato il morbillo a risultare fatale dato che la vittima era affetta da una forma di Leucemia Linfoblastica Acuta (LLA) che, tuttavia, presentava delle chances di guarigione circa dell’85%:

“Voglio sottolineare ancora una volta l’importanza dell’immunità di gregge, ovvero la vaccinazione del 95% dei bambini che, oggi, è l’unico modo per tutelare i soggetti immunodepressi come nel caso di cui abbiamo appreso oggi”

ha spiegato Gallera. La Ministra Lorenzin ha invece espresso dolore per la morte di un bimbo di soli sei anni, aggiungendo dal canto suo solo che bisogna sempre rispettare la medicina e le verità scientifiche “per il bene dei nostri figli”.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+