Ancora scosse in provincia di Ascoli, mentre una frana ostruisce la Via Salaria

di Redazione
In Cronaca
7 settembre 2016
Commenti:

Nelle zone colpite dal terremoto lo scorso 24 agosto la terra continua a tremare. Tre scosse sono state registrate nella notte ed in prima mattinata. Ieri sera bloccata la Via Salaria per una frana.

 

Resta difficile la situazione nelle zone colpite dal terremoto, dove si continuano a registrare delle scosse, anche di grado superiore a 3. Nella notte tra martedì e mercoledì c’è stata una scossa registrata con 3,2 gradi ed ipocentro a 10 chilometri di profondità. L’epicentro di questa scossa è stato situato dai sismografi a circa sette chilometri di distanza da Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata. Nelle vicinanze ci sono anche altri paesi, come Montegallo, Montemonaco ed Arquata del Tronto, già colpita in precedenza.

La seconda scossa, sempre nella notte, alle 2.04 ha avuto il suo epicentro a soli 6 chilometri da Accumoli e naturalmente ha creato del panico tra la popolazione, con il suo grado 3,3. In questo caso l’ipocentro era a 13 chilometri di profondità, ed il sisma è stato avvertito in varie zone di Marche, Lazio ed Umbria. L’ultima scossa è avvenuta poco dopo l’alba, alle 7.08 ed ha avuto una magnitudo di 3,4 gradi, con un ipocentro situato a 10 chilometri di profondità. Anche in questo caso il paese più vicino è Arquata del Tronto, ma il sisma è stato avvertito molto distintamente anche a Norcia.

 

Le tre scosse telluriche non hanno causato nuovi crolli, ma la situazione che si trovano ad affrontare le popolazioni dei comuni colpiti resta sempre molto difficile, e ad acuire il disagio è arrivata anche una frana, che nella serata di ieri ha bloccato, in entrambi i sensi di marcia, la Via Salaria. La frana è avvenuta all’altezza della località Quintodecimo, che si trova tra Arquata del Tronto e Acquasanta Terme, in provincia di Ascoli ed ha provocato la chiusura della strada in entrambe le direzioni.

I vigili del fuoco sono già al lavoro per cercare di ripristinare al più presto la normale viabilità ed anche per mettere in sicurezza la zona della frana. Lo smottamento sembra sia stato causato dalle piogge che hanno colpito la zona negli ultimi giorni e non sia da collegarsi alle scosse di terremoto. Da quanto è filtrato dalle comunicazioni dei vigili del fuoco, la Via Salaria dovrebbe essere riaperta, con senso di marcia alternato, nella giornata di oggi.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+