Nizza: nella notte dell’attentato solo un’auto della polizia proteggeva la Promenade

di Redazione
In Attualità
21 luglio 2016
Commenti:

Fa molto discutere l'ultima notizia divulgata dal quotidiano "Liberation". Secondo il giornale francese, la sera dell'attentato, la polizia locale non avrebbe ricevuto alcun aiuto da parte della polizia nazionale.

 

La Promenade des Anglais non è stata adeguatamente protetta. Un testimone oculare afferma di non aver visto nemmeno un agente della polizia nella tragica notte. Le immagini di sorveglianza visionate da una fonte di polizia confermano la sua versione.

Durante la serata del 14 luglio c’era soltanto una vettura della municipale a presiedere la zona. Nessuno, dunque, avrebbe potuto fermare la corsa del tir bianco barricando la strada. La Polizia municipale era situata al centro della carreggiata, nella zona vicino al mare. Questo lato era stato trasformato in area pedonale in vista della festività. Il varco da cui è entrato l’attentatore, invece, era completamente libero e privo di sorveglianza. Il killer, un uomo violento e depresso, ha infatti usato la corsia destinata alle ambulanze e ai mezzi di soccorso. La carreggiata era rimasta completamente libera per essere utilizzata in caso di emergenze.

 

Stando al quotidiano francese, l’assenza della gendarmeria è dovuta a un avvicendamento con i colleghi della municipale. La polizia nazionale ha controllato la zona soltanto fino alle 21 ed è stata in seguito sostituta dalla polizia municipale. I controlli, invece, sono stati molto più ferrei a Piazza Massena. In vista di un importante concerto sono stati introdotti doppi controlli sugli spettatori: prima un metal detector per una scansione digitale e in seguito un controllo manuale da parte degli agenti. L’evento si teneva sempre a Nizza e distava pochi minuti dal luogo dell’attentato.

Attentato terroristico a Nizza, il luogo della strage

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+