Operazione Antiterrorismo: i 14 arrestati in Italia supportavano la Jihad

di Redazione
In Cronaca
11 maggio 2018
Commenti:

Allarme terrorismo sempre alto in Italia. Le autorità, che operano su tutto il territorio, hanno scoperto grazie alla collaborazione di vari organi di polizia, una cellula legata alla Jihad che aiutava i terroristi combattenti in Siria attraverso una raccolta illegale di fondi.

 

L’operazione è stata eseguita in questi giorni su larga scala e su tutto il territorio italiano, coordinata dalla Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo. Le indagini, che hanno portato all’arresto di 14 persone hanno permesso l’individuazione di soggetti legati, con diverse modalità, alla Jihad islamica e che supportavano gruppi terroristici in territorio siriano, attraverso raccolte fondi effettuate in varie comunità italiane ed europee.

La custodia cautelare, che è stata emessa per alcuni cittadini siriani e marocchini, è stata la conclusione di due indagini che hanno visto la collaborazione tra Digos, Polizia, Guardia di Finanza e in particolar modo degli uomini dello S.C.I.C.O il “Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata”. Oltre ai fondi raccolti, il gruppo è accusato di riciclaggio e abusiva attività finanziaria in diversi paesi europei e non tra cui la Svezia l’Ungheria e la Turchia.

 

I due gruppi scoperti in Italia sarebbero legati alla fazione di matrice integralista islamica denominato Jahbat al Nusra e operavano in maniera del tutto autonoma, ma al termine delle perquisizioni avvenute tra Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Sardegna si è dedotto che entrambe avevano contatti con lo stesso soggetto, probabile collegamento tra loro e i gruppi terroristici combattenti presenti in Siria a cui il denaro raccolto veniva riversato per il sostentamento dei combattenti e per l’acquisto degli armamenti.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+