Bottura con Maserati al Salone di Ginevra

di Redazione
In Auto
13 marzo 2017
Commenti:

Non solo sfoggio di nuovi modelli di auto al salone di Ginevra, Maserati vi cucina lo stile "slow food and fast cars".

 

Come sempre il salone di Ginevra è uno degli appuntamenti immancabili per tutti i costruttori di auto mondiali. Sono occasioni come questa che vengono sfruttate dalle case automobilistiche per presentare i nuovi modelli di auto di imminente lancio sul mercato. Insieme ai modelli ultimati si affiancano anche prototipi che svelano le direzioni stilistiche e di innovazione tecnologica dei vari marchi per il futuro. Tra tutti gli stand presenti quello della Maserati ha preparato una gustosa sorpresa, portando a Ginevra un suo storico ambasciatore. Si tratta dello chef stellato Massimo Bottura che in questa occasione ha fatto vivere a una clientela selezionata un’esperienza culinaria capace di coinvolgere tutti i sensi portando avanti l’idea dello “slow food and fast cars”. Passando dalle portate di Bottura a quelle di Maserati preparatevi a una bella indigestione. Qui a Ginevra Maserati presenta la nuova Granturismo e la nuova GranCabrio in un’edizione speciale per celebrare i sessant’anni dalla presentazione della 3500 GT. Queste auto saranno prodotte in soli quattrocento esemplari, sono accattivanti per gli interni in pelle e alcantara e per alcuni particolari realizzati in fibra di carbonio. Un altro modello che debutta pubblicamente è il Suv Levante, con interni curati dall’atelier di moda Ermenegildo Zegna che disegna da alcuni anni lo stile dei modelli più recenti. La versione presentata a Ginevra è il V6 3.0 Turbodiesel da 275 cavalli. Questa vettura è adatta per affrontare tutti i tipi di terreno in qualsiasi condizione meteo. La capacità del bagagliaio è di 550 litri, sufficiente quindi per poter trasportare le valigie per una lunga vacanza. Per quanto riguarda la sicurezza l’auto è molto ben equipaggiata, presenta infatti sei airbag, poggiatesta attivi e vari tecnologie che permettono di prevenire le collisioni.

 

img_2631243271259744.jpg

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+