Nuove ipotesi sul caso Loris, indagini per trovare il complice

di Redazione
In Attualità
17 dicembre 2014
Commenti:

Il delitto di Santa Croce Camerina continua a restare celato nel mistero, con nuovi indizi ed un probabile complice della madre; il procuratore continua le indagini.

 

Nell’ombroso e misterioso caso del giallo di Santa Croce Camerina, il 16 dicembre 2014, il procuratore Carmelo Petralia cerca di fare un po’ di luce sugli avvenimenti. A tal proposito lo stesso mostra quelle che sarebbero le tre ipotesi possibili del delitto, che vedrebbero appunto nelle vesti di colpevole la madre Veronica Panarello, ma molto deve essere ancora fatto e le indagini continuano.

Carmelo Petralia, dichiara infatti come la prima ipotesi dello scenario del delitto in provincia di Ragusa sia quella che vede la madre del piccolo unica responsabile dell’uccisione oltre che della stessa fase di occultamento del cadavere.

 

In una seconda ipotesi invece si comincia a far avanti la presenza di un eventuale complice durante la sola fase di occultamento del corpo. Mentre nella terza ed ultima ipotesi degli inquirenti si sta ipotizzando una cooperazione anche nel momento del delitto, tra la mamma ed un misterioso complice.

Inoltre lo stesso procuratore Petralia spiega come lo scenario e lo stesso movente siano in realtà molto intricati e complessi, motivo che spinge lo stesso a considerare le varie ipotesi delineate non come alternativa tra loro, ma addirittura complementari.

Nel frattempo, tutti gli esami previsti sul corpo della vittima sono terminati, motivo per cui la slama sarà restituita alla famiglia che potrà così organizzare la veglia ed i funerali.

Intanto, il padre del piccolo Loris, Davide Stival, fa sapere che per le esequie del figlio vorrebbe una cerimonia raccolta e privata, pertanto auspica l’assenza delle telecamere. Lo stesso legale di Davide Stival ha poi spiegato come il suo assistito vorrebbe anche che si faccia un po’ più di silenzio su questa triste vicenda, senza strumentalizzarla e senza trasformare ancora la loro vita a causa dei media sempre più pressanti ed irrispettosi. Proprio nei giorni scorsi  per scappare da una troupe televisiva che voleva assolutamente intervistarlo, il padre è caduto durante la fuga rompendosi un braccio.

 

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+