Sanremo 2017: il vero significato della canzone di Francesco Gabbani

di Redazione
In Musica
14 febbraio 2017
Commenti:

Ecco il significato della canzone vincitrice del Festival di Sanremo, "Occidentali's Karma" di Francesco Gabbani.

 

La canzone vincitrice del Festival, “Occidentali’s Karma” ha destato non poco clamore anche sui social network: molti l’hanno vista come una ventata di novità in un mondo della musica a volte troppo bloccato dalla tradizione. Non sono mancati comunque anche coloro che non ne hanno capito il senso, vedendola unicamente come un motivetto sconnesso e privo di un messaggio particolare.

A fare chiarezza ci ha pensato colui che ha scritto il testo della canzone per il vincitore di Sanremo, Fabio Ilacqua. In una intervista a Varese News ha specificato alcuni dettagli importanti sottolineando come la canzone punti molto sulla ballabilità. Come ammesso dallo stesso Ilacqua, colpisce il fatto che siano in molti ad aver preso questa canzone come quella dal ritmo ideale per ballare e divertirsi. Ma allo stesso tempo il creatore del testo “Occidentali’s Karma” ha evidenziato anche di provare un enorme piacere nel leggere le discussioni legate al significato della sua canzone.

 

La scimmia nuda di Gabbani dunque non è affatto frutto della casualità e né tanto meno della pura spettacolarità, bensì di un lavoro attento e meticoloso. L’occidentale, come spiega Fabio Ilacqua nella sua intervista a Varese News, si avvicina sempre più spesso alle culture orientali. Quando lo fa, ha sempre un approccio quasi da turista che va in un villaggio turistico: la cultura orientale viene vista proprio come un’evasione dallo stress e un rifugio di tranquillità. Eppure si tratta di qualcosa di molto differente e più profondo.

Lo stesso Ilacqua ha anche chiarito il senso della scimmia nuda che Gabbani ha portato in scena al Teatro Ariston di Sanremo. Infatti questa scimmia nuda conferma l’idea dell’uomo moderno, completamente privo di peli sulla lingua. Il riferimento è a quanto diceva Desmond Morris che asseriva che l’uomo, dei 193 esemplari di scimmie, era quello senza peli. Quello che ha ancora peli ha delle caratteristiche che risalgono all’uomo delle caverne e che lo rendono molto affascinante ancora oggi. Inoltre Ilacqua ha specificato anche un dettaglio importante per quanto concerne la spettacolarità dell’esibizione di Gabbani. Infatti molti hanno commentato con un certo stupore e anche con un senso di divertimento il balletto inscenato da Gabbani a Sanremo durante la sua canzone. Anche questo, come confessato da Ilacqua, non è certo frutto del caso, ma è stato oggetto di studio.

L’obbiettivo fin dall’inizio era quello di dar vita ad una sensazione di piacevole stupore. Il balletto è nato comunque in maniera spontanea in quanto durante le prime prove della canzone, lo stesso cantautore ha iniziato a ballare proprio imitando le movenze di una scimmia. La cosa, pur tra l’ilarità dello staff, è stata colta come un’arma giusta per il successo della canzone stessa.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+