Una ragazza modenese di 25 anni scivola da un dirupo e muore nella riserva di Capo Gallo

di Redazione
In Cronaca
8 febbraio 2016
Commenti:

Tragedia nella riserva di Capo Gallo, a Palermo: una giovane modenese, Cecilia Serafini, che si trovava sul posto per scattare delle foto, è caduta scivolando dalla scogliera ed è morta. La 25enne era in vacanza in Sicilia con due amiche che hanno dato l’allarme.

 

Una vacanza in Sicilia si è conclusa tragicamente per Cecilia Serafini, una 25enne di Modena, che si trovava con due amiche nella riserva di Capo Gallo, vicino a Palermo, e stava scattando delle fotografie nella zona denominata Mezza Luna.

L’escursione sulla montagna situata sopra Mondello riserva con tanto di scarponi e macchine fotografiche era iniziata nella tarda mattinata di domenica, poi nel pomeriggio, mentre le amiche erano andate avanti, la giovane modenese era rimasta indietro per scattare delle fotografie. Le amiche l’hanno attesa ai piedi del monte, ma quando è iniziato a fare buio sino sono preoccupate ed hanno quindi dato l’allarme chiamando le forze dell’ordine.

 

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco del Saf, un nucleo speciale addestrato proprio per l’effettuazione di ricerche in zone impervie, e dopo cinque ore il corpo di Cecilia Serafini è stato ritrovato in fondo ad un dirupo. Alle ricerche della ragazza hanno preso parte anche uomini della capitaneria di porto di Palermo e 2 squadre dei vigili del fuoco appartenenti al nucleo marittimo.

Dopo il ritrovamento, il corpo di Cecilia Serafini è stato trasportato ad un molo del porto, ed è intervenuto anche il medico legale per l’ispezione. Le prime ricostruzioni della tragedia ipotizzano che la giovane sia scivolata proprio mentre stava effettuando delle fotografie degli straordinari scorci della riserva, e sembra dunque improbabile che si sia trattato di un malore. L’esatta dinamica potrà essere accertata dopo un esame approfondito del corpo della giovane. Le autorità hanno provveduto ad avvertire la famiglia.

img_1855641111569533.jpg

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+