Caraibi: l’uragano Maria prossimo alla devastazione dopo Irma

di Redazione
In Mondo
19 settembre 2017
Commenti:

La minaccia è vicina. Domani i Caraibi saranno messi a dura prova da "Maria", un nuovo potente uragano, ora categoria 4. Intanto Josè fa capolino sulle coste di New York e New Jersey.

 

Dopo il devastante passaggio di Irma nei giorni scorsi che ha messo in ginocchio l’area geografica dei Caraibi, è ora atteso Maria. Il National Hurricane Center (NHC), che ne sta monitorando la potenza, ha previsto categoria 4, con venti che superano i 200 km orari, il che tradotto significa potenzialmente catastrofico.

Il passaggio di Maria è previsto per la serata di domani, mercoledì. Attualmente di trova a 25 km a nord-est dell’isola di Martinica, nelle Antille francesi. A seguire si sposterà nei pressi di Dominica e delle adiacenti Isole Leeward e si avvicinerà a Porto Rico e alle Isole Vergini nella giornata di oggi, ha fatto sapere il NHC.

 

Martinica e Porto Rico sono già da ore in stato di massima allerta. A Guadalupa è stata ordinata evacuazione delle zone più a rischio a partire da questa sera alle ore 20 ora italiana. Le autorità francesi parlano di inondazioni e smottamenti di terreno previste. In questi giorni la popolazione ha cercato di proteggere le proprie abitazioni con mezzi di fortuna, barricando gli ingressi di case e negozi, puntellandone accessi con travi di legno.

Macron si dichiara pronto a inviare aiuti a sostegno, ci sarà molto da ricostruire. Il ministro dell’Interno francese, Gerard Collomb, ha promesso una “mobilitazione totale” delle autorità francesi. Trump rimanda la visita prevista.

Intanto un nuovo stato di allerta è stato emanato per Josè, un uragano che fa capolino con categoria 1 sulle coste di New York e New Jersey. Le zone costiere interessate, saranno oggetto di forti venti e piogge con conseguenti allagamenti. I venti più forti sono previsti su Long Island, ma mercoledì potrebbero interessare anche il cuore di Manhattan. La tempesta dovrebbe indebolirsi da venerdì, grazie al miglioramento delle condizioni meteo.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+