Diga di Oroville: missione di salvataggio in corso

di Redazione
In Mondo
14 febbraio 2017
Commenti:

Paura in California, corsa contro il tempo per evitare il cedimento della diga di Oroville.

 

La diga di Oroville è sicuramente la più celebre a livello internazionale, oltre che la più importante di tutti gli Stati Uniti. Da qualche ora però attorno alla diga che si trova in California c’è grande apprensione. Domenica 12 febbraio infatti si è aperta una importante crepa a livello della diga che ha determinato una notevole fuoriuscita di acqua.

Subito è partito l’allarme dei tecnici che fin dalle prime ore dalla scoperta hanno provveduto a rimediare quanto più possibile. In particolare, le misure più drastiche prevedono blocchi di pietre che vengono costantemente lanciati da diverse ore dagli elicotteri. Il tutto per provare ad arginare le perdite di acqua e fare in modo da garantire la più completa sicurezza per gli abitanti della zona.

 

Le autorità hanno anche disposto il riempimento di camion che normalmente vengono utilizzati per la raccolta dei rifiuti: a bordo di questi vi sono pietre che costantemente vengono scaricate lì dove c’è la perdita a livello della diga. In particolare, secondo quanto emerso dai primi rilievi, sembra che la perdita sia avvenuta a livello di una valvola di emergenza. Proprio qui è stata evidenziata una crepa a cui si sta provando a rimediare in tempi quanto più rapidi possibile.

Nel frattempo le autorità del posto hanno ordinato l’evacuazione per oltre 200.000 persone che vivono nella zona. Il tutto per garantirne la più totale sicurezza e fare in modo che non ci siano conseguenze importanti per le persone. Infatti in caso di cedimento completo di parte della diga essa potrebbe permettere il passaggio di ben 230 metri di acqua verso valle. La cosa metterebbe a serio rischio le abitazioni e tutto ciò che si trova nella zona. Il governatore della California, Brown, ha immediatamente chiesto aiuto a Donald Trump, neo-presidente degli Stati Uniti. Proprio a lui ha voluto fare affidamento soprattutto per lo stanziamento di fondi aggiuntivi per garantire un corretto intervento di ripristino della diga. Proprio il governatore che negli ultimi mesi era andato spesso in contrasto con Trump, ha elogiato la sua iniziativa di potenziare gli investimenti per le infrastrutture. La situazione è comunque sotto controllo nonostante l’allarme che fin dalle prime ore di domenica scorsa aveva preoccupato e non poco la popolazione.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+