L’addio a David Bowie

di Redazione
In Musica
12 gennaio 2016
Commenti:

New York, Londra e Berlino danno il loro ultimo saluto a David Bowie

 

La notizia che David Bowie ci ha lasciati è giunta ovunque inaspettata e tanto più dolorosa per questo; ma la risposta di coloro che lo avevano amato, da vicino o da lontano, non ha tardato a farsi sentire in tutto il mondo.

Quasi immediatamente sotto il suo appartamento nel quartiere di Soho, a New York, hanno cominciato ad accumularsi fan, fiori, candele e ricordi: l’aria che si respira è solenne e afflitta. Bowie aveva passato qui gli ultimi anni della sua vita, tenendo un profilo basso e immergendosi nella quotidianità newyorkese. Da tutta la città sono affluite persone, vestite comunemente o nell’eccentrico stile glam rock che Bowie aveva reso tanto popolare, a rendere tributo all’icona musicale dello scorso e presente secolo.

 

Un tributo che i fan hanno voluto dare anche in un altro luogo di storica presenza di David Bowie: Berlino. E’ lì che Bowie ha inciso tre album del periodo berlinese, tre pietre miliari della storia, non solo musicale: è indiscusso che le sue canzoni hanno collaborato al sollevamento popolare che ha portato alla caduta del Muro. La gente non sembra aver dimenticato che Bowie era un berlinese d’adozione: contro il muro del suo appartamento nella capitale tedesca, dove Bowie ha vissuto negli anni ’70 con Iggy Pop, ben presto sono stati deposti mazzi di fiori e i berlinesi hanno cominciato a raccogliersi per condividere il dolore della perdita e ricordarlo come un loro celebre cittadino.

Londra non è stata da meno: la capitale inglese è colma di luoghi dove Bowie ha vissuto, si è esibito e si è evoluto come artista. E’ in particolare a Brixton che si sono concentrate le dimostrazioni di affetto e di lutto: è lì che un murales di Ziggy Stardust, una delle tante personalità artistiche di Bowie, segna il luogo dove il poliedrico musicista era nato. Appena la notizia si è sparsa, all’alba, il marciapiede si è ricoperto di fiori, immagini, candele, e soprattutto di fan venuti a ringraziare il Duca Bianco. Fra i molti che rendevano tributo, non pochi hanno voluto dimostrare il loro debito e la loro gratitudine adottando uno dei tanti look che hanno resto Bowie celebre: glitter, vestiti stravaganti, e fulmini colorati disegnati in volto (il make-up alla ‘Aladdin Sane’) testimoniano il profondo impatto che Bowie ha avuto non solo sulla musica ma sulla vita delle persone, ovunque nel mondo.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+