“Make an offer” e Amazon diventa un po’ Ebay

di Redazione
In Scienze e Tech
11 dicembre 2014
Commenti:

Nonostante il successo planetario Amazon amplia la gamma dei suoi servizi, mutuando da Ebay una delle principali caratteristiche del sito di aste on line, ossia la possibilità di inoltrare una controfferta al venditore.

 

Da oggi Amazon è un po’ simile ad eBay.

L’azienda di commercio elettronico online, che possiede la sua sede principale a Seattle (Stati Uniti) ha realizzato,infatti, un nuovo servizio intitolato ‘Make an Offer‘, che permette trattative direttamente con il venditore.
La piattaforma di e-commerce più famosa del Pianeta ha messo in atto questa nuova offerta in alcuni settori del proprio negozio virtuale, tra i quali il collezionismo, lo sport, lo spettacolo, la cultura e l’arte. Il totale iniziale è di circa 150 mila articoli, anche se questa misura sembra destinata ad essere ampliata ulteriormente anche ad altri prodotti. In questo modo, gli acquirenti possono usufruire di interessanti risparmi su vari articoli che non si caratterizzano per un preciso prezzo di listino sul mercato.
Come già accennato in precedenza, l’idea era già venuta in precedenza ai gestori di eBay, che hanno consentito da qualche anno le contrattazioni su determinati prodotti. Per ora, gli strumenti in vendita sono prettamente riservati agli appassionati di collezionismo. Sarà dura vedere una misura del genere adottata su beni a più vasto consumo, anche se sognare non costa nulla.

 

Amazon servirà a mettere in contatto acquirenti e venditori, con i primi che dovranno inviare una proposta di acquisto e aspettare per 72 ore la risposta e la controproposta dei secondi. Quando le due parti in causa troveranno un punto di incontro, si potrà procedere alla transazione definitiva.

 

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+