Manchester, l’attentato al concerto di Ariana Grande rivendicato dall’Isis

di Redazione
In Mondo
24 maggio 2017
Commenti:

Un kamikaze di soli 22 anni ha fatto esplodere una bomba carica di bulloni e chiodi al termine del concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena, causando la morte di 22 persone

 

Erano le 22:30 del 22 Maggio e il concerto di Ariana Grande, popstar americana e idolo dei ragazzini, si era da poco concluso. Tutti gli spettatori si apprestavano ad uscire dalla Manchester Arena quando un forte boato ha scatenato il panico tra i presenti: c’è chi ha pensato allo scoppio dei palloncini che in quel momento erano stati lanciati dall’alto, chi a uno scoppio nelle casse di amplificazione.

In realtà, un kamikaze di 22 anni, Salman Abed, di origine libiche, ha fatto esplodere una bomba farcita di chiodi e bulloni, causando la morte di 22 persone e ferendone circa 120. La prima vittima ad essere identificata è stata una bambina di soli 8 anni, poi una sedicenne, Georgina Bethany Callander, entusiasta di essere riuscita a farsi fotografare insieme alla popstar.

 

Al momento si contano anche 12 persone disperse e l’allerta resta al massimo livello in tutto il Regno Unito, sconvolto già in passato da attentati terroristici come questi: basti pensare a quello del 7 luglio 2005 quando quattro bombe piazzate su mezzi pubblici da Al Qaeda provocarono la morte di 56 persone e ne ferirono circa 700.

In queste ore la polizia inglese ha arrestato un uomo di 22 anni a Chorlton per legami con l’attacco alla Manchester Arena, rivendicato dall’Isis, e sempre nella stessa località è in corso un raid della polizia per cercare di capire se il kamikaze abbia agito da solo o facesse parte di un gruppo di terroristi in procinto di organizzare altri attentati di questo tipo: ciò che è certo è che Salman Abed era da poco rientrato dalla Libia e probabilmente era anche andato in Siria per pianificare il tutto sotto la guida jihadista.

La popstar americana Ariana Grande non ha riportato ferite a seguito dell’esplosione, ma il suo entourage ha rivelato che la giovane è sotto shock e molto provata dall’accaduto: ieri è, infatti, arrivata la notizia dell’annullamento di tutte le date del suo tour europeo iniziato proprio la sera del 23 maggio alla Manchester Arena.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+