Un morto e quattro feriti a causa di una esplosione in una villetta a Frattocchie

di Redazione
In Cronaca
28 luglio 2016
Commenti:

Una esplosione nella notte ha causato la morte di un anziano ed il ferimento di altre quattro persone a Frattocchie, in provincia di Roma. Ancora ignote le cause dell’esplosione. Soccorritori al lavoro nella notte.

 

Un boato poco dopo la mezzanotte ha sconvolto via Kennedy a Frattocchie, una località che si trova nel comune di Marino, in provincia di Roma. La villetta al numero 16 di Via Kennedy, un’unità quadrifamiliare, è stata il centro di un’esplosione, avvenuta per cause ancora da precisare, ed alla fine il bilancio è grave: un uomo è morto e quattro sono i feriti gravi.

Sul luogo dell’esplosione sono arrivati i soccorsi, sia ambulanze, che vigili del fuoco. Per l’anziano, che abitava in una casa vicina ed è morto per un malore a causa dell’esplosione, non c’è stato niente da fare, mentre le due donne ed i due uomini rimasti feriti sono stati immediatamente trasferiti in ospedali vicini per essere sottoposti alle cure necessarie.

 

I pompieri hanno lavorato a lungo nella notte, sia per mettere in sicurezza ciò che restava della villetta, che per cercare di capire cosa abbia causato l’esplosione. Le notizie, frammentarie, giunte sinora, ipotizzano la possibilità di una fuga di gas. Le dichiarazioni di alcuni abitanti delle case vicine, parlano di un grande boato, che in un primo momento ha fatto pensare che si trattasse di un terremoto, poi hanno visto la villetta letteralmente sventrata e sono partite immediatamente le chiamate di soccorso.

Si attendono notizie certe anche per quanto riguarda la situazione dei feriti, mentre si continua a cercare la causa dell’esplosione. La notizia della morte dell’anziano e del ferimento delle quattro persone si è diffusa immediatamente in tutta la località, generando grande scalpore, ed anche paura, relativamente alle possibili fughe di gas che potrebbero causare eventi simili.

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+