Molestie sessuali ai danni dell’ex-bodyguard: scandalo per Elton John

di Redazione
In Musica
31 marzo 2016
Commenti:

Nel corso di quattro anni sarebbero state numerose le avances di Sir Elton John nei confronti della sua ex guardia del corpo. Che adesso lo querela per danni.

 

Accusato di molestie sessuali ai danni del suo ex-bodyguard, Jeffrey Wenninger; al centro dello scandalo è Sir Elton John, il celebre cantante vincitore di numerosi Grammy Awards, superospite dell’ultima edizione del Festival di Sanremo e autore di celebri testi come “Your Song”, “Candle in the Wind” e “Goodbye Yellow Brick Road” solo per citarne alcune.

Wenninger, che è stato guardia del corpo di Elton John fino al 2014, ha infatti querelato l’artista britannico accusandolo di molestie sessuali, che sarebbero avvenute nel corso degli anni in cui aveva lavorato per lui. Le avances di Elton John nei confronti della sua guardia del corpo risalirebbero, stando alla versione fornita dall’accusa, almeno al 2010.

 

Sarebbero stati numerosi tentativi di approcci sessuali non ricambiati, ma secondo Jeffrey Wenninger, i suoi ripetuti dinieghi non avrebbero dissuaso Sir Elton John dall’importunarlo. A quel punto l’unica soluzione è stata il licenziamento, e ora, a due anni di distanza, una causa in tribunale che promette di diventare un vero e proprio caso mediatico.

La secca replica dello studio legale di Sir Elton non si è fatta certo attendere. Il portavoce della firma, in merito all’accusa di molestie sessuali, ha replicato fra l’altro;

“Questa causa legale senza alcun fondamento è stata intentata da un’ex guardia del corpo scontenta in cerca di pagamenti extra non dovuti. Queste accuse sono palesemente false e contraddette da numerose altre dichiarazioni messe agli atti in passato dallo stesso querelante. Non ci faremo coinvolgere in questo ultimo abuso del nostro sistema legale.”

Chi tace, almeno per il momento, è invece il diretto interessato, che ha preferito non rilasciare nessuna dichiarazione in merito.

elton john

 

 

 

Commenta la notizia, cosa ne pensi?

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+