Milan calciomercato: dopo Cerci, Galliani a caccia di un centravanti da 20 gol

di Redazione
In Calcio
30 dicembre 2014
Commenti:

Milan fortemente a caccia del terzo posto. Per ottenerlo, dopo l'approdo di Cerci, ora il Milan cerca un centravanti vecchia maniera.

 

Il Milan è scatenato sul mercato calcistico. Non appena chiuso lo scambio di prestiti che ha riportato Fernando Torres alla casa madre Atletico Madrid, con la quale esordì nella Liga, ed Alessio Cerci alla corte di Pippo Inzaghi, Adriano Galliani si è lanciato alla caccia di un vero “centravanti”.L’idea dell’A.D. rossonero risponde al nome di Stefano Okaka, bomber della Sampdoria di Mihajlovic, ma sotto sotto, il vero obiettivo potrebbe essere il romanista Destro, che attualmente non trova molto spazio nelle formazioni di Rudy Garcia, e che piace da tempo sia a Galliani che ad Inzaghi.

Intanto Per portare a casa Cerci, il Milan ha battuto anche la concorrenza dei “cugini” nerazzurri, da tempo impegnati a seguire le mosse del fantasista ex Torino. Cerci era arrivato alla corte di Simeone per una cifra importante, circa 15 milioni di Euro, ma Simeone non lo ha mai visto come una pedina importante nella ricostruzione del suo Atletico, ed i risultati ottenuti finora hanno dato ragione al tecnico argentino. L’Azzurro ha giocato poco sia nella Liga che in Champions, dove ha però realizzato una rete contro gli svedesi del Malmoe. Galliani che aveva mirato a Cerci sin dall’estate, ha avuto quindi una idea brillante, scambiando Torres, che aveva preso in estate a costo zero, con l’ex granata con la formula dello scambio di prestiti della durata di 18 mesi, da ridiscutere poi in estate. L’arrivo di Cerci a Milano avverrà subito dopo Capodanno e dopo aver svolto le rituali visite mediche sarà a disposizione di Inzaghi, con la quasi certezza di esordire nella partita che opporrà il Milan proprio al “suo” Torino. Il ritorno del Niño a Madrid ha fatto contenti sia il tecnico che i tifosi dei “Colchoneros”, che sperano di rivedere il Fernando Torres che così bene aveva fatto in maglia biancorossa, prima di trasferirsi in Inghilterra. Anche Torres non sembra esseri mai realmente ambientato in quel di Milanello, con poche apparizioni ed una sola rete segnata, nella gara con l’Empoli. Anche lui si è detto contento di essere ritornato dove ha iniziato la sua carriera.

 

Chiuso l’affare Cerci, Galliani sembra voler mettere a segno un altro colpo importante, per rinforzare ulteriormente il roster a disposizione di Inzaghi per tentare l’assalto decisivo al terzo posto, per il quale è ampiamente in corsa. Ritorno di fiamma quindi per Stefano Okaka, che Mihajlovic ha molto valorizzato in questa prima parte di campionato. Per lui, nonostante le evidenti doti, si tratta della prima stagione importante da quando è uscito dal settore giovanile della Roma, dopo altre esperienze meno fortunate. Il contratto di Okaka scade nel Giugno 2016, ma il Milan vorrebbe portarlo in maglia rossonera sin da adesso, scontrandosi però con la volontà della Sampdoria, che perderà Gabbiadini, destinato al Napoli di Benitez. L’unica possibilità sarbbe quella di uno scambio con Pazzini, che però riproporrebbe il problema della mancanza di una punta nel roster del Milan, dopo la cessione di Torres. Il sogno vero del Milan è però un altro romanista, Mattia Destro, che trova poco spazio nella formazione giallorossa e non sente più la fiducia da parte del suo allenatore, Garcia. La Roma, infatti, ha messo nel mirino lex desiderio napoletano, il colombiano Jackson Martinez, se non subito, almeno per la prossima stagione, e quindi potrebbe cedere Destro, ma non ha certamente intenzione di fare dei saldi e quindi ha in mente una cifra intorno ai 20 milioni di euro, certamente non alla portata e nemmeno nelle intenzioni di Galliani, molto abile sul mercato “low-cost”. Galliani ha, però, un asso nella manica che risponde al nome di Stephan El Shaarawy, altro giocatore che sta facendo fatica a trovare posto in rossonero, e che potrebbe trovarsi bene nel modulo di Garcia. Per un eventuale scambio tra i due, tutti in ambito azzurro, forse bisognerà attendere la prossima sessione estiva di mercato.

 

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+