Qualificazioni europee: fatica la Germania, crisi Ranieri, Ronaldo decisivo

di Redazione
In Sport
15 ottobre 2014
Commenti:

Si chiude la settimana dedicata alle qualificazioni europee e, come avvenuto nei giorni scorsi, non mancano le sorprese. Germania fermata in casa, Grecia a picco, risorge il Portogallo. Sospeso l'incontro Serbia-Albania.

 

Nelle qualificazioni europee di ieri si è giocato per i gruppi D – E – F ed I. La sorpresa della serata è rappresentata dalla Germania, che non riesce a battere in casa l’Irlanda, che le impone il pari per 1 – 1. L’altra formazione irlandese, quella del Nord, fa ancora meglio, e batte in trasferta la Grecia di Claudio Ranieri, che resta ancorata nelle zone basse della classifica del suo girone con 1 punto, davanti alle Far Oer con 0. La Polonia, dopo il successo sui tedeschi, frena, ottenendo solo un pari casalingo contro la Scozia. Il solito Cristiano Ronaldo è l’artefice della vittoria del suo Portogallo in Danimarca, ed anche la Romania e l’Ungheria conquistano i 3 punti fuori casa. Senza problemi anche il cammino di Svizzera e Georgia.

La Germania era attesa ad un immediato risveglio dopo la batosta polacca, ma i Campioni del mondo non sono riusciti ad imporsi in casa contro l’Eire, che pareggia proprio allo scadere con O’Shea, dopo che i Tedeschi erano andati in vantaggio con una rete di Kroos, anche questa segnata nella ripresa. Per il tecnico tedesco Low queste due gare potrebbero rappresentare un “campanello d’allarme”, anche se il cammino delle qualificazioni è ancora lungo ed i posti disponibili per le finali sono molti. L’Irlanda non ha mai mollato, anche quando si è trovata in svantaggio, ed alla fine il punto ottenuto è stato senza dubbio meritato. In un’altra partita dello stesso girone, facile successo esterno della Georgia su Gibilterra; il 3 – 0 porta le firme di Gelashvili e Okriashvili nel primo tempo e di Kankava nella ripresa. Gibilterrra avrebbe potuto segnare il primo, storico, goal nelle qualificazioni, ma la rete di Chipolina è stata annullata. Per la Georgia si tratta dei primi punti conquistati. Un passo indietro è stato fatto registrare, invece, dalla Polonia, che deve rimontare contro la Scozia, dopo essere andata in vantaggio con Mączyński, ed aver subito il ribaltamento del risultato con le reti di Maloney e Naismith. La rete del definitivo 2 – 2 è stata segnata da Milik (autore della doppietta alla Germania) dopo 32 minuti nel secondo tempo. La Polonia è ora a 7 punti insieme all’Irlanda, mentre la Scozia è appaiata alla Germania a quota 4. Il gruppo E si concludeva con la partita tra San Marino e la Svizzera, che gli ospiti si sono aggiudicati senza problemi per 0 – 4, con il portiere sanmarinese, Simoncini, che si è concesso il lusso di parare un rigore a Rodriguez. Per la formazione di Petkovic, che raccoglie così i primi 3 punti delle qualificazioni, sono andati a segno Seferovic, doppietta per lui, l’ex napoletano Dzemaili e Xherdan Shaqiri.

 

Anche il gruppo F vede in testa una formazione a punteggio pieno, l’Irlanda del Nord, che si impone in Grecia, mettendo in crisi il CT ellenico, Claudio Ranieri. La prima rete è stata realizzata da Ward, mentre il raddoppio è opera dell’ex rosanero Lafferty. L’Ungheria conquista tre punti con il minimo sforzo, vincendo nelle isole Far Oer per 0 – 1, rete di Szalai, ma non sembra ancora del tutto fuori dai suoi problemi. Nella gara disputata in Finlandia si impone la Romania con una doppietta di Stancu. Rumeni ed Ungheresi sono ora appaiati in classifica a quota 4.

Nel gruppo I erano in programma due gare, con il Portogallo che sfrutta al meglio una magia di Cristiano Ronaldo a pochi secondi dalla fine, per portare a casa 3 punti importanti dopo un match dove ha regnato l’equilibrio. Per iLusitani si tratta dei primi tre punti della stagione. Partita sospesa e caos invece tra Serbia ed Albania, a causa di un drone con la bandiera del Kosovo che è atterrato all’interno dello stadio. La Danimarca e la stessa Albania comandano a quota 4 con il Portogallo all’inseguimento a 3 punti e Serbia ed Armenia ferme a quota 1.

 

 

  • Seguici su Facebook

  • Seguici su G+